I tre moschettieri (racconto)

antologia
Incipit

Il piccolo David entrò nella camera da letto dei genitori già con il cappottino addosso e, senza dire una parola alla mamma che stirava con le mani i suoi vestiti prima di metterli in valigia, posò sul bordo del mobile un grosso volume scuro e dalla copertina lisa.
«È questo, allora, quello che vuoi portarti?» chiese la madre senza interrompersi, giusto alzando un occhio verso il bambino che nel frattempo si era fermato a guardarla con discrezione, quasi volesse sparire nel muro della stanza cui si era appoggiato.
«I tre moschettieri


Dall’introduzione di Andrea Pellegrini

E l’apparentemente piccola questione della scelta di un famoso libro da portar via oppure no in un viaggio, diventa la base e il fondale per un intrico di materie che stanno al di sopra dei singoli destini umani: un libro di Dumas, oggetto del dialogo, si fa commovente dettaglio e infinitesimale minuzia custodita fra le trame immense della Storia. Raffinato e intrigante il gioco per la distrazione del lettore ordito dalla penna di questo autore.

I tre moschettieri in in LETTERATURA ITALIANA CONTEMPORANEA – ANTOLOGIA DEL NUOVO MILLENNIO
a cura di N. Bonifazi, A. Pellegrini, C. Pestelli, C. Vettori; Edizioni Helicon, 2015

I commenti sono chiusi.