Crea sito
image-2734

Il maestro

Il Maestro è la storia in poche tavole e una manciata di parole di Don Lorenzo Milani. La si vive però, con ritrosia e un certo senso di pudore, stando dietro gli occhi di uno dei suoi ragazzi. Sono occhi, i suoi, per lo più obliqui di chi ha un bisogno, ma non la capacità di chiedere. E guardano il lettore con la sfida di chi sa che in fondo l’altro nella migliore delle ipotesi ti guarda dall’alto e mica ci pensa a capirti per davvero.
Continue Reading »
image-2709

Prove per un Requiem

Prove per un Requiem non è, come verrebbe da pensare a tutta prima, un semplice sequel del precedente Omicidi in si minore. Del sequel gli manca, infatti, da una parte, la standardizzazione della formula e, dall’altra, il bisogno di implementare la carica spettacolare degli eventi narrati nell’esigenza di riportare su scenari inusuali un’affabulazione che rischierebbe di arenarsi nelle ...
Continue Reading »
image-2741

L’insostenibile pesantezza del divenire. Cronenberg e la musica

Arte del tempo e del cambiamento, la musica non poteva non attirare un regista come Cronenberg che del tempo e, più ancora, della mutazione ha fatto il suo centro poetico. Evoluzione (o involuzione), degenerazione (o rigenerazione), in ogni caso mutazione controllata (o incontrollabile) sono le ossessioni della sua opera e, al tempo stesso, i principi di ogni atto compositivo.
Continue Reading »
image-2693

Nosferatu: il contagio del vampiro

Viene dallo zingaresco oriente il contagio maledetto. Per l’occhio che non sa vedere oltre i limiti del conosciuto ha la forma del morbo che appesta. Un morbo che cammina su zampette di topo, che si annida nella terra umida di tomba chiusa in casse da morto e che si propaga invisibile di collo in collo. Nei piccoli ...
Continue Reading »
image-2678

Omicidi in si minore

Nasce all’insegna di un’ibridazione post-moderna, Omicidi in si minore di Davide Bottiglieri. In superficie ha tutte le caratteristiche del giallo tradizionale, con tanto di detective che cerca il suo colpevole sulle strade battute dalla pioggia del mito transilvano di fine Settecento. Ma basta appena uno sguardo più attento per rendersi conto che, sotto la superficie, le linee del narrato si intricano oltre il lecito in cerca di modelli assai più complessi e variegati.
Continue Reading »